Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSocietàVinitaly: la guerra dei dazi non ostacola l'export

Vinitaly: la guerra dei dazi non ostacola l'export In evidenza

Pubblicato in Società
15 Aprile 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
Nessun segnale di pericolo imminente per le esportazioni di vino italiano negli Stati Uniti. E' quanto emerge da una indagine realizzata in occasione di Vinitaly dall'Alleanza cooperative Agroalimentari tra le proprie associate, che detengono la leadership nelle esportazioni di vino negli Usa: piu' della meta' dei volumi di vino esportati in America e' commercializzato infatti dalle cantine cooperative. "Pur con tutta la cautela che deve accompagnare previsioni sulle decisioni di un presidente come Donald Trump - commenta Ruenza Santandrea, Coordinatrice Vino Alleanza Cooperative Agroalimentari - riteniamo al momento alquanto remota l'ipotesi che le nuove politiche protezionistiche sbandierate dagli Stati Uniti vadano a colpire proprio i vini italiani ed europei". "Di norma - commenta la coordinatrice vino dell'Alleanza Cooperative Agroalimentari Ruenza Santandrea - vengono scelte misure protezionistiche per difendere produzioni locali molto forti dalla concorrenza di merci provenienti da paesi esteri e che entrano con prezzi bassi e competitivi. Non e' certo questo il caso del vino, poiche' le nostre bottiglie vengono commercializzate negli Usa a prezzi mediamente alti e non certo inferiori a quelli californiani"."Gli americani, che com'e' noto non hanno una produzione interna che garantisca loro autosussistenza, sono grandi importatori di vini italiani con una spiccata preferenza per le etichette di alta gamma. E' alquanto difficile immaginare che d'un tratto smettano di aver bisogno di importare", sottolinea Santandrea. Non solo luci pero' nel mercato americano. Qualche criticita' dall'indagine interna e' emersa, legata in primo luogo al tasso di cambio sfavorevole, che sta generando qualche perdita anche se lieve di fatturato. Sul mercato americano poi pesano in qualche modo le conseguenze del problema, registratosi due anni fa, nell'assegnazione dei fondi europei dell'Ocm Vino per la promozione nei paesi terzi. Il blocco dei finanziamenti dei progetti presentati dalle aziende italiane, che in buona parte erano destinati proprio ad attivita' di promozione dirette al paese americano, ha creato una situazione in cui le vendite dei vini italiani sono state assai penalizzate, a tutto vantaggio della Francia. Gli Usa si confermano il primo mercato di sbocco in valore per l'Italia. Le esportazioni di vino italiano in America hanno registrato nel 2017, secondo le ultime rilevazioni Ismea, un incremento in valore del 4,2% rispetto al 2016, raggiungendo quota 1,4 miliardi di euro.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30