Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeSanitàCittà Salute, Maroni: «Terreni ceduti a Regione, opere al via nel 2018»

Città Salute, Maroni: «Terreni ceduti a Regione, opere al via nel 2018» In evidenza

Pubblicato in Sanità
30 Dicembre 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Con le bonifiche in dirittura d'arrivo, oggi compiamo un altro importante passo avanti per la realizzazione della Citta' della salute e della ricerca. Infatti, grazie alla cessione dei terreni dal Comune di Sesto San Giovanni a Regione Lombardia, diamo un'accelerata all'iter che consentira' a Infrastrutture Lombarde di firmare il contratto di concessione per l'avvio, nel 2018, della costruzione degli edifici di una delle piu' grandi e qualificate realta' sanitarie pubbliche d'Europa". Lo dice il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, annunciando la delibera approvata dalla Giunta regionale, di concerto con gli assessori Viviana Beccalossi (Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Citta' metropolitana) e Giulio Gallera (Welfare), con la quale si anticipa la cessione a titolo gratuito dei terreni sulle aree ex Falck di Sesto San Giovanni (Milano) dal Comune a Regione Lombardia per la realizzazione del nuovo polo ospedaliero e della ricerca. "A seguito di questo passaggio - commenta Maroni - avverra' la progettazione esecutiva dell'opera che ospitera' le attivita' dell'Irccs - Istituto nazionale dei Tumori e dell' Irccs Istituto neurologico Besta, entrambi oggi ubicati in Citta' Studi a Milano, per un totale di circa 700 posti letto. Si tratta di un'opera importantissima per il sistema sanitario regionale e nazionale, ed anche di una operazione di riassetto territoriale ed urbanistico di grande complessita'".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni