Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeLavoroCisl: "Da Commissione Ue riconoscimento ruolo sindacato"

Cisl: "Da Commissione Ue riconoscimento ruolo sindacato" In evidenza

Pubblicato in Lavoro
05 Ottobre 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Dalla Commissione Europea oggi abbiamo ricevuto un riconoscimento importante e positivo sui contenuti del Patto della fabbrica e sul contributo responsabile delle parti sociali italiane alla crescita, allo sviluppo, al lavoro e all'equità sociale". Lo sottolinea il segretario generale aggiunto della Cisl, Luigi Sbarra, che ha incontrato a Bruxelles insieme ai colleghi di Cgil e Uil e al segretario della Ces, Visentini, una delegazione della Commissione Europea guidata dal Vice Presidente Valdis Dombrovskis. "La Commissione Europea ha espresso un giudizio positivo ed un grande apprezzamento per l'accordo che abbiamo siglato con Confindustria e le altre associazioni imprenditoriali, per il carattere innovativo del ruolo della contrattazione collettiva e delle sue regole, per la scelta partecipativa, gli strumenti individuati per governare questa fase di passaggio e di trasformazioni del lavoro verso la nuova economia digitale. Tutto ciò può considerarsi un modello di relazioni industriali capace di assicurare giustizia sociale, crescita salariale, sviluppo sostenibile, competitività, attraverso recuperi di produttività e di qualità", ha aggiunto. "Un modello di relazioni sindacali che potrebbe essere di grande aiuto per quei Paesi europei dove la contrattazione è stata eliminata, indebolita e sostituita da interventi legislativi. La stessa Commissione ha riconosciuto che con il Patto della Fabbrica vengono meno già da quest'anno le osservazioni e le raccomandazioni della stessa Commissione al nostro paese sulla necessita' di riformare le relazioni industriali e la contrattazione collettiva. Un fatto che ha per la Cisl un significato politico davvero importante. Cio' dovrebbe indurre a serie riflessioni quanti ancora in Italia insistono su questo tema, ipotizzando ulteriori incursioni legislative per regolare anche le retribuzioni, indebolendo di fatto il ruolo della contrattazione collettiva nazionale e decentrata", ha concluso. (Italpress).

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30