Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeLavoroContratti: Uilpa "Positiva apertura ministro Bongiorno"

Contratti: Uilpa "Positiva apertura ministro Bongiorno" In evidenza

Pubblicato in Lavoro
09 Agosto 2018 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"In prossimita' dell'apertura delle trattative per i rinnovi contrattuali del triennio 2019-2021, abbiamo apprezzato la positiva apertura del neo ministro della P.A. Giulia Bongiorno". Lo afferma il segretario generale della Uilpa Nicola Turco, aggiungendo che "l'espressione 'spingero'' utilizzata dallo stesso ministro in occasione dell'incontro con i sindacati ben sintetizza la volonta' di un impegno concreto, ad iniziare dal reperimento delle risorse economiche necessarie. Il nuovo contratto deve porsi in una linea di perfetta continuita' rispetto al precedente, consentendo in primis il completo recupero del potere di acquisto eroso fino all'osso a causa dei lunghi anni di blocco retributivo. Va rafforzato il ruolo della contrattazione, cui dovranno essere demandate ulteriori materie e competenze", incalza il segretario generale della Uilpa evidenziando che "il nuovo contratto dovra' finalmente prevedere l'introduzione di forme di welfare aziendale, a partire dall'introduzione di una polizza sanitaria, in analogia con quanto gia' avviene nel mondo del lavoro privato. Con il rinnovo contrattuale 2016-2018 ci siamo lasciati alle spalle una pagina buia ed abbiamo intrapreso una strada nuova per restituire valore e dignita' ai lavoratori del Pubblico Impiego. Ed e' proprio questo il percorso che dobbiamo proseguire - chiosa Turco - perche' migliorare le condizioni dei lavoratori pubblici significa anche migliorare la qualita' ed aumentare l'efficienza dei servizi pubblici erogati al cittadino". (Italpress).

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30