Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeLavoroL’Agenzia delle Entrate non è un ente per … sportivi

L’Agenzia delle Entrate non è un ente per … sportivi

Pubblicato in Lavoro
02 Febbraio 2017 di Carmine Alboretti Commenta per primo!
Vota questo articolo
(2 Voti)
I successi sportivi dei dipendenti pubblici, in genere, sono un vanto per le amministrazioni di cui fanno parte. Basta vedere l’accoglienza tributata agli atleti dei Gruppi sportivi delle forze armate quando vincono una medaglia o raggiungono un primato. Come è noto si tratta di un reclutamento particolare, disciplinato nei criteri e nelle modalità da una legge del dicembre 2002. I campioni arruolati con questo sistema diventano militari a tutti gli effetti, e così, quando lasciano l’attività agonistica, vengono assorbiti nel sistema militare. Alcuni restano in ambito sportivo, diventando istruttori o allenatori, altri passano al servizio operativo. Così stando le cose diventa ancora più paradossale la vicenda di un dirigente di una sede dell’Agenzia delle Entrate del Nord, sottoposto a procedimento disciplinare per una intervista rilasciata ad un giornale su un record raggiunto a livello sportivo. Il pubblico dipendente sarebbe reo, a detta di chi lo ha “giudicato”, di aver ricevuto nel suo ufficio un giornalista, rispondendo alle sue domande, senza avvisare i propri superiori. Invano il malcapitato - al quale è stata inflitta una sanzione disciplinare di natura pecuniaria - ha provato a spiegare le proprie ragioni, sostenendo che si sarebbe trattato di un equivoco generato dalla erronea convinzione che l’interlocutore fosse un comune cittadino giunto in ufficio per chiarimenti. Resosi conto dell’errore, lo aveva liquidato, acconsentendo alla registrazione al solo scopo di permettergli di raccogliere i dati necessari nel più breve tempo possibile. Operazione, questa, che si è conclusa in poco meno di cinque minuti di orologio. Di qui la sottoposizione a procedimento disciplinare e la “condanna”. Accolta con perplessità dal diretto interessato, che sarà costretto ad una vertenza legale. Insomma l’Agenzia delle Entrate non è un’amministrazione per sportivi…

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30