Cerca nel sito

 

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeEconomiaAgroalimentare, Campania penalizzata dall’Europa

Agroalimentare, Campania penalizzata dall’Europa In evidenza

Pubblicato in Economia
03 Aprile 2016 di Marzio Di Mezza Commenta per primo!
Vota questo articolo
(1 Vota)

Non è bastato al Provolone del Monaco avere ottenuto nel 2010 la Denominazione di Origine Protetta a livello europeo, né che vantasse una storia secolare considerato che si produce dal 1700, per meritare una maggiore considerazione comunitaria. Infatti tra i prodotti da difendere nell’ambito dei negoziati del trattato commerciale Ue-Usa, le eccellenze da salvaguardare sono quarantadue e solo uno della Campania, la mozzarella di Bufala che giustamente merita attenzione. Ma un territorio che detta legge nel mondo in quanto a produzioni agroalimentari di eccellenza, sicuramente meritava qualcosa in più. Questa la principale critica che viene mossa a caldo alla Commissione Europea, all'indomani dell’ufficializzazione della lista: “Ha dimenticato i tesori della Campania”.

Di stupore e incredulità, parlano poi il direttore del Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco Dop Vincenzo Peretti e il sindaco di Agerola Luca Mascolo: “Non entrando per il momento nelle specifiche tecniche che hanno portato nella bozza di accordo del Ttip a rinforzare in un paniere di eccellenze italiane ben più ampio solo 42 eccellenze Dop e Igp italiane – hanno detto Peretti e Mascolo - ci chiediamo perché la Commissione ha praticamente azzerato la nostra regione, ricordandosi soltanto della Mozzarella di Bufala Campana Dop. Svilendo così il lavoro di quanti lavorano tutti i giorni per garantire freschezza e qualità. Per offrire prodotti sicuri, dalla filiera completamente tracciata. Lavoratori che devono essere tutelati e non ignorati”.

Vincenzo Peretti e Luca Mascolo attendono risposte ma assicurano che si faranno sentire ancora: “Ci piacerebbe conoscere il criterio che in una regione ricca come la Campania ha portato all’esclusione di prodotti, come il Provolone del Monaco Dop e la Melannurca campana igp – hanno evidenziato- , provenienti da un'agricoltura eroica a tutela della biodiversità”. Non si registrano invece, almeno fino a questo momento, prese di posizione da parte del Consorzio di tutela della Melannurca Campana Igp.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Testata beneficiaria dei contributi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 e dal decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70. Contributo incassato per l’anno 2016: Euro 916.960,30