Cerca nel sito

Sei qui: HomeDal territorioBasilicata, ok area interna montagna materana

Basilicata, ok area interna montagna materana In evidenza

Pubblicato in Dal territorio
17 Agosto 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
“Piccoli paesi grande vita": questo il motto che racchiude la filosofia della Strategia dell’area interna Montagna Materana definita nel documento strategico per lo sviluppo locale dell’area per il rilancio della crescita economica e sostenibile, oltre al miglioramento della qualità della vita dei cittadini di una delle aree lucane più marginalizzate e con un tasso di spopolamento tra i più elevati della regione. La Giunta regionale della Basilicata ha approvato la Strategia dell’area interna Montagna Materana, concludendo il lungo e complesso iter di costruzione di questo strumento per salvaguardare e rilanciare l’area che comprende i comuni di Accettura, Aliano, Cirigliano, Craco, Gorgoglione, Stigliano, San Mauro Forte e Oliveto Lucano. A disposizione circa 31 milioni di euro derivanti da risorse statali e da quelle messe a disposizione dalla Regione Basilicata nell'ambito dei Programmi Operativi. In particolare, i finanziamenti per le azioni di rafforzamento dei servizi essenziali di cittadinanza provengono per 3,74 milioni di euro dalla legge di stabilità; mentre quelli per le azioni di sviluppo locale, trasporti e per il sociale sono sostenuti per circa 21 milioni di euro dal Po Fesr 2014-2020; le azioni per la formazione e l’istruzione saranno finanziate per 0,8 milioni dal Po Fse 2014-2020 e quelle per il comparto agricolo per circa 5,5 milioni dal Psr 2014-2020. L'area è stata individuata come area "pilota" ed è la prima delle quattro aree lucane ad aver concluso il percorso di costruzione della Strategia d'area che è il frutto di un lungo e articolato processo di partecipazione e di co-progettazione tra i diversi soggetti interessati, in primis i comuni, ma anche le popolazioni dell’area, la Regione e il Comitato tecnico aree interne. Il documento definisce le condizioni iniziali e le tendenze evolutive senza l’intervento della strategia, lo scenario desiderato ed i risultati attesi, la strategia d'area e gli attori coinvolti, l'organizzazione programmatica e finanziaria, il processo di costruzione della strategia d'area e le modalità di partecipative per la sua attuazione. Il percorso di costruzione della Strategia d'area si concluderà con la sottoscrizione di un atto negoziale per regolare i rapporti tra Regione e Comune capofila dell'area progetto per l'attuazione della Strategia e, a seguire, con la sottoscrizione dell'Accordo di Programma Quadro da parte della Regione, dei Ministeri competenti, dell'Agenzia per la Coesione Territoriale e del soggetto Capofila dell'area interna. L’altra area candidata a partecipare alla Strategia aree interne è quella del Mercure Alto Sinni Val Sarmento che ha già avviato il percorso e ha elaborato il documento "Bozza di Strategia”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni