Cerca nel sito

Seguici su Facebook!

Sei qui: HomeAmbienteMaltempo, Coldiretti: «Ultima chance per funghi in annata più nera»

Maltempo, Coldiretti: «Ultima chance per funghi in annata più nera» In evidenza

Pubblicato in Ambiente
10 Settembre 2017 di Redazione Commenta per primo!
Vota questo articolo
(0 Voti)
"L'arrivo del MALTEMPO e' l'ultima chance per far sperare gli appassionati di funghi che attendono la pioggia come manna dal cielo dopo una stagione iniziata male con le raccolte ai minimi storici a causa della siccita' record che ha caratterizzato l'estate 2017". E' quanto afferma la Coldiretti, nel sottolineare gli effetti nei boschi dell'andamento climatico dell'estate che si classifica come la quarta piu siccitosa di sempre con la caduta del 41% in meno di precipitazioni ma che conquista il posto d'onore per il caldo con una temperatura media superiore di 2,48 gradi alla media, inferiore solo a quella registrata nel 2003. "Lungo tutta la Penisola i cercatori di funghi guardano al cielo e per terra sperando in una svolta dopo una estate di frustrazioni e cesti vuoti che ha colpito in realta' anche tanti buongustai con i prezzi saliti alle stelle che superano anche i 35 euro al chilo per i piu' pregiati porcini. Con l'annata nera - denuncia la Coldiretti - c'e' il rischio che vengano spacciati come nazionali i funghi importati dall'estero". "Per questo la Coldiretti invita a verificare l'indicazione il luogo di raccolta o coltivazione, dell'origine in etichetta o su appositi cartellini che deve essere riportato obbligatoriamente da quest'anno dopo i chiarimenti forniti al quesito della Coldiretti nella risposta ufficiale della Commissione Europea che - sottolinea la Coldiretti - ha chiarito che le indicazioni obbligatorie devono essere presenti sui documenti che accompagnano il prodotto in tutte le fasi della commercializzazione e che l'indicazione del Paese di origine e' sempre obbligatoria per tutti i prodotti ortofrutticoli freschi, anche se esentati dal rispetto della norma di commercializzazione generale, come tartufi e funghi spontanei. Una garanzia per sapere se i pregiati frutti del bosco sono stati raccolti nella Penisola o se sono arrivati in Italia da Paesi lontani con minore freschezza e garanzie di qualita' e sicurezza alimentare".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

La Discussione - registrazione Tribunale di Roma n. 3628 del 15/12/1953 - C.F. / n. 13130691002
Impresa beneficiaria per questa testata dei contributi di cui alla legge n. 250/90 e successive modifiche ed integrazioni